FAQ

  • Quesito n. 1 del 21/05/2019 - OGGETTO: Destinatari – Soggetto terzo delegato

     

    Quesito n. 1 del 21/05/2019

    OGGETTO: Destinatari – soggetto terzo delegato

    In merito all’Avviso 44 Smart si chiede:

    a) è possibile far partecipare alla formazione in aula (con classe già composta da almeno 3 dipendenti a busta paga) il titolare di impresa individuale o il socio di snc che non risultano percettori di compenso a busta paga (ma secondo altre modalità)? In caso affermativo il titolare o socio che si aggiunge ai 3 dipendenti va a determinare un totale destinatari pari a 4, andando così ad incidere anche sul calcolo del rapporto tra contributo richiesto e numero di destinatari?

    b) se il piano viene presentato direttamente dall’azienda beneficiaria, rimane il limite del 30% per la delega a soggetti terzi o questo limite vale solo in caso di presentazione da parte di enti attuatori terzi rispetto all’impresa beneficiaria?

    Chiarimenti al quesito n. 1 del 21/05/2019

     

    a) Come previsto dall’Avviso al capitolo 4:
    “Sono destinatari dei piani:

    1. soci lavoratori/lavoratrici di imprese cooperative che prestano la loro attività presso la cooperativa ricevendo una remunerazione (con qualsiasi forma contrattuale);
    2. dipendenti inclusi apprendisti;
    3. lavoratori in ammortizzatori sociali;
    4. lavoratori con contratto di co.co.co. e di co.co.pro. in deroga;

    dei soggetti beneficiari”.

    Pertanto non possono essere destinatari i soggetti indicati (titolare impresa individuale e/o socio di s.n.c.) ma solo eventualmente come “uditori” dei percorsi formativi previsti dal piano. Non essendo destinatari (quindi non indicati nella tabella organico e destinatari) non saranno conteggiati per determinare il rapporto tra contributo richiesto e destinatari.

    b) Al capitolo 3.4 dell’Avviso si indica che la delega a soggetti terzi è subordinata a questa condizione “…che il valore complessivo delle attività delegate non sia superiore al 30% del valore complessivo del piano” (come previsto dalla Circolare n. 1 del 10/04/2019 dell’ANPAL) indipendentemente dalla tipologia di soggetto proponente (quindi anche nel caso di presentazione da parte delle imprese beneficiarie). E’ specificato “valore complessivo” pertanto la sommatoria delle attività affidate in delega a più soggetti terzi delegati non deve superare il limite del 30% del valore del piano.

     

  • Icona invia
  • Icona stampa
  • Icona allegati